MOAS

Movimento per l'Adeguamento Sociale        
													
 
PROPOSTA MOAS  EAR2 9310.
una ipotesi innovativa e sofisticata
relativa ai meccanismi causali della crisi sociale attuale, italiana ed occidentale
ed una proposta di trattamento della crisi 
indirizzata all'annullamento del meccanismo causale ipotizzato
 
  Cesidio Di Luzio
  Copyright 1993. Euroma, Editrice Universitaria di Roma, La Goliardica
 

Copyright MOAS.net  /.it

liberamente utilizzabile per scopi non commerciali,

senza apporto di modifiche, con citazione della fonte.

 
 
pagine 77 - 83
 
 

 

 torna a  analisi e proposta completa (pubblicazioni)

 torna alla  prima pagina

 

 

 

 

 

77

 

ALLEGATO.
 

STRUTTURA DELLE SOCIETA' NELLA STORIA

E MECCANISMI CHE HANNO DETERMINATO I CAMBIAMENTI DELLA STRUTTURA.

 

Può essere utile cercare di comprendere

in cosa differiscono le società delle varie fasi storiche

e quali sono i meccanismi, alcuni meccanismi, che avrebbero determinato

questi cambiamenti.

 

Questa esposizione inizia con l'analisi dei meccanismi

e descrive le ipotesi relative alle differenze della struttura sociale nelle fasi storiche

durante l'analisi dei meccanismi che avrebbero determinato i cambiamenti.

 

Uno dei meccanismi che determinerebbe i cambiamenti della società

sarebbe l'aumento della conoscenza.

Le società avrebbero determinato la loro struttura, coerentemente con le conoscenze

possedute nelle varie fasi storiche.

All'aggiornamento od all'aumento delle conoscenze, sarebbe seguito

l'adeguamento della struttura sociale.

E così via.

 

Un altro dei possibili meccanismi è però più interessante in questa sede,

perchè strettamente correlabile con quanto viene analizzato in questo studio.

 

Infatti questo secondo meccanismo è collegabile alla ipotesi che prevede che la società

sia costituita da differenti tipologie di individuo.

La ipotesi relativa ai differenti tipi di individuo costituenti la società

è stata esposta nel capitolo premesse alla strategia.

 

Si ricorda brevemente l'essenza di questa ipotesi.

 

Questa teoria prevede che la società sia formata principalmente da 6 tipi di individuo.

Questi individui sono differenziati in funzione del tipo di comportamento a cui danno luogo,

che a sua volta è conseguente al livello di creatività totale spontanea (CTS)

di cui dispongono

e di particolari esperienze a cui possono essere stati esposti.

Sono così previsti individui IM, M, OSP, OSS, QDN e DN.


 

 

78

 

ALLEGATO.

 

STRUTTURA DELLE SOCIETA' NELLA STORIA

E MECCANISMI CHE HANNO DETERMINATO I CAMBIAMENTI DELLA STRUTTURA (PARTE 2).

 

Ora, nella teorica società iniziale,

la interazione tra questi tipi di individuo

avrebbe determinato in un primo tempo un gruppo dirigente costituito da DN.

 

Successivamente i DN si sarebbero indirizzati verso le attività di ricerca, a loro congeniali.

Questo avrebbe lasciato campo libero agli OSP,

che avrebbero creato le strutture a cui tendono, per il controllo degli altri individui.

 

Il settore sociale più adatto alla realizzazione di strutture di controllo sugli altri,

cioè prevaricanti, sono le organizzazioni criminali,

le organizzazioni di potere occulto e le strutture sociali direzionali.

 

Queste sono le strutture conseguentemente utilizzate dagli OSP per il raggiungimento

dei propri obiettivi.

 

Successivamente, la eccessiva attività delle strutture organizzate dagli OSP,

per il controllo degli altri individui, avrebbe attivato i DN contro queste realizzazioni.

L' azione dei DN si sarebbe attivata in conseguenza della eccessiva inconciliabilità

della ideologia dei DN con la struttura sociale modificata dagli OSP

e perchè l'eccesso delle attività prevaricanti, sarebbe diventato pericoloso per la integrità psicofisica degli stessi DN.

Da parte dei DN si sarebbe quindi agito anche in difesa della propria integrità.

 

L'azione dei DN, sostenuta dalla popolazione,

avrebbe comportato il contenimento delle azioni prevaricanti

realizzate dagli OSP.

Questo contenimento sarebbe stato realizzato attraverso

la modifica definitiva, cioè istituzionalizzata, delle strutture di direzione sociale,

o attraverso la eliminazione delle strutture indipendenti dal sistema di direzione sociale,

utilizzate per attuare la prevaricazione.

La strategia di neutralizzazione utilizzata dai DN sarebbe stata evidentemente anche congruente con le conoscenze a disposizione dai DN nel periodo storico di attuazione.


 


 

79

 

ALLEGATO.

 

STRUTTURA DELLE SOCIETA' NELLA STORIA

E MECCANISMI CHE HANNO DETERMINATO I CAMBIAMENTI DELLA STRUTTURA (PARTE 3).

 

Le modifiche apportate dai DN sarebbero state istituzionalizzate,

avrebbero cioè comportato la modifica della legislazione sociale,

al fine di determinare la non possibilità di ripetizione del tipo di abuso in oggetto.

 

Ottenuta la neutralizzazione della prevaricazione causa dell'attivazione dei DN,

i DN sarebbero tornati alle loro attività congeniali.

 

A questo punto gli OSP,

dapprima moderatamente, quindi più decisamente, avrebbero ricominciato ad attuare il loro comportamento, questa volta però limitato dalle modifiche apportate dai DN.

 

Si sarebbe creato così, successivamente, un nuovo e diverso abuso,

più limitato rispetto ai precedenti.

 

All'eccesso di questo successivo abuso, si sarebbero nuovamente attivati i DN,

con l'inserimento nella legislazione sociale di un ulteriore meccanismo di controllo per gli abusi, specifico per quello in questione.

 

E così via.

 

La maggioranza della popolazione sarebbe stata sempre determinante per l'efficacia dell'azione dei DN.

L'appoggio della maggioranza della popolazione a queste azioni avrebbe apportato la forza necessaria all'azione dei DN

e sarebbe stato effettuato perchè la maggioranza della popolazione avrebbe percepito

queste azioni come convenienti per la propria integrità psicofisica.

 

I cambiamenti apportati alla società, nelle varie fasi storiche, dai DN

sarebbero consistiti quindi in progressive modifiche della struttura direzionale e legislativa della società. Queste modifiche sarebbero anche rapportabili alle conoscenze disponibili

nelle diverse epoche.

 

Con una serie successiva di azioni di questo tipo le strutture delle società sarebbero

diventate, progressivamente, sempre più difficilmente prevaricabili da parte degli OSP.

Ed è probabile che in un prossimo futuro si giunga ad una struttura della società costituita in modo tale da non essere più prevaricabile da parte degli OSP.

 

Non è questa la sede per analizzare quale variazione di comportamento effettueranno gli

OSP in seguito alla nuova condizione sociale che si dovrebbe determinare.




 

80

 

ALLEGATO.

 

STRUTTURA DELLE SOCIETA' NELLA STORIA E

MECCANISMI CHE HANNO DETERMINATO I CAMBIAMENTI DELLA STRUTTURA (PARTE 4).

 

Nel prossimo futuro probabilmente le strutture di controllo saranno gestite da QDN

e da DN.

Le strutture di controllo, libere dalla presenza di OSP e da sub apparati prevaricanti,

potranno interessare un buon numero di DN, perchè potenzialmente capaci di realizzare una avanzata costruzione sociale.

La maggior parte dei DN continuerà però a dedicarsi ad attività di ricerca.

La maggioranza della popolazione potrà effettuare una protezione di se stessa attraverso la possibilità di controllo reale del gruppo dirigente.

Si entrerà così in una fase completamente differente della storia delle società.

 

Non si può escludere che la fase storica attuale rappresenti la costituzione del primo livello

di questo nuova serie di società.


 


 

81

 

ALLEGATO.

 

STRUTTURA DELLE SOCIETA' NELLA STORIA E

MECCANISMI CHE HANNO DETERMINATO I CAMBIAMENTI DELLA STRUTTURA (PARTE 5).

 

Può essere interessante concludere questo capitolo con la seguente osservazione:

 

Il comportamento dei DN può essere conseguente all'interazione con

gli altri tipi di individuo previsti.

 

Oppure può dipendere dalla loro costituzione mentale,

indipendentemente dal comportamento determinato dall'interazione

con gli altri individui previsti.

 

Nel primo caso,

se i DN interagissero con un gruppo di individui costituito diversamente,

si avrebbe una variazione del loro comportamento.

 

Nel secondo caso,

se i DN interagissero con un gruppo costituito diversamente,

non si avrebbe una variazione del loro comportamento.

 

L'analisi di queste due possibilità non è però di pertinenza di questo studio.


 

 

 

82

 

PAGINA BIANCA.


 


 

83

 

CONCLUSIONE.

 

Questa proposta costituisce probabilmente

un mezzo adeguato per il superamento dei problemi sociali attuali

e per l'evoluzione della società.

 

Ma la possibilità determina anche la responsabilità.

 

Così da oggi tutti noi siamo responsabili

della situazione sociale nella quale viviamo.