MOAS

Movimento per l'Adeguamento Sociale        
													

 

    torna a  Attualità e analisi da web

   vai alla  Prima pagina

 

 

   

 

 

 

06 febbraio 2015

 

la follia USA,

prodotta dalla sua sola cultura economica

e dall' incapacita di rientrare in relazioni rispettose con gli altri,

non si fermera'

 

la prevalenza in USA della sola logica economica

ha determinato l' ossessione di perdere i suoi vantaggi.

e' stato un errore storico lasciare che USA si armasse come ha fatto

 

 

 

 

6.2.2015

 

Operazione falluja nell'est Ucraina

 

DI MIKE WHITNEY
  Counterpunch.org
 

  Mike Whitney  vive nello Stato di Washington.

  Ha  contribuito alla scrittura di Hopeless: Barack Obama and the Politics of Illusion (AK Press). Anche disponibile  in Kindle edition

 

da:

http://www.comedonchisciotte.net/modules.php?name=News&file=article&sid=3881

Postato il 08/02/2015 di cdcnet

 

  Fonte: http://www.counterpunch.org

  Link: http://www.counterpunch.org/2015/02/06/the-fallujah-option-for-east-ukraine/

 

questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l'autore della traduzione Bosque Primario.

 


... ... ...

Washington ha bisogno di una guerra in Ucraina per raggiungere i propri obiettivi strategici. Questo punto non deve essere trascurato.
 

Gli Stati Uniti vogliono spingere la NATO sui confini occidentali della Russia e vogliono stabilire un ponte verso l'Asia mettendo basi militari sparse in tutto il continente.

Vogliono controllare i gasdotti russi per l'Europa per monitorare le entrate di Mosca ed assicurarsi che i pagamenti continuino ad essere effettuati in dollari.

E vogliono anche una Russia più debole e più instabile, che sia più incline a un cambiamento di regime, alla frammentazione e, in ultima analisi,  che sia disponibile ad un controllo straniero.

Questi obiettivi non possono essere raggiunti pacificamente, anzi, se i combattimenti dovessero fermarsi domani, le sanzioni verrebbero abolite e poco dopo, l'economia russa ricomincerebbe a riprendersi.

Che vantaggio ne potrebbe avere Washington?

Non ci guadagnerebbe niente e questo minerebbe il suo piano più ampio per poter integrare Cina e Russia nel sistema economico dominante, il sistema del dollaro.

 

I Powerbrokers - quelli che hanno in mano il vero potere - negli Stati Uniti si rendono conto che l'attuale sistema deve espandersi per  non collassare.

Sia la Cina e la Russia devono restare sotto il loro tallone ed essere persuase ad accettare un ruolo subordinato nell'ordine mondiale guidato dagli Stati Uniti

oppure il ruolo egemonico di Washington sul mondo globale sarà giunto al capolinea.

Questo è il motivo per cui le ostilità in Ucraina Orientale stanno crescendo e continueranno a crescere.

Questo è il motivo per cui il Congresso degli Stati Uniti ha approvato un disegno di legge per sanzioni più severe contro il settore dell'energia russa e per mandare aiuti letali ai militari dell'Ucraina.

Questo è il motivo per cui Washington ha inviato istruttori militari in Ucraina e si prepara a fornire armi per 3 miliardi di dollari con "missili anti-carro, droni da ricognizione, Humvee blindati, e radar

che possono individuare la posizione dei razzi e del fuoco dell'artiglieria nemica.

"Tutte le azioni di Washington sono progettate con uno scopo in mente: intensificare i combattimenti e far aumentare il conflitto.

Le pesanti perdite subite dall'inesperto esercito dell'Ucraina e le terribili sofferenze subire dai civili a Lugansk e Donetsk non preoccupano nemmeno un pò i pianificatori della guerra.

Il loro compito è quello di fare in modo che la pace sia evitata a tutti i costi perché servirebbe a far deragliare il piano USA pivot-Asia per restare "la" superpotenza mondiale.

Ecco un estratto da un articolo di WSWS:

"L'obiettivo finale degli Stati Uniti e dei suoi alleati è ridurre la Russia ad uno stato impoverito e semi-coloniale.

Tale strategia, storicamente associata con l'Amministrazione Carter e alla Sicurezza Nazionale come la pensava di Zbigniew Brzezinski, oggi viene apertamente riproposta.

In un discorso dello scorso anno al Wilson Center, Brzezinski ha invitato Washington a fornire Kiev di "armi progettate in particolare per consentire gli ucraini di impegnarsi in una efficace guerriglia di resistenza urbana."

In linea con le politiche ora raccomandate nella relazione del Brookings Institution e di altri think tanks che chiedono di mandare al regime di Kiev armi americane, Brzezinski ha chiesto di mandare "armi anticarro ...

che servano nei combattimenti nelle città, da vicino."

Mentre questa strategia, delineata da Brzezinski, è un atto politicamente criminale - per intrappolare la Russia in una guerra etnica, porta a porta in Ucraina,

minacciando di morte milioni, se non miliardi di persone - questo comportamento è completamente allineato con le politiche che - lui stesso - ha sempre promosso contro la Russia da decenni.

"(“Gli USA che armano l'Ucraina e il pericolo della Terza Guerra Mondiale“, World Socialist Web Site)

Aiuti militari non letali portano inevitabilmente a aiuti militari letali, a fornire armi sofisticate, a no-fly-zone, a servizi segreti, a contractors stranieri, a operazioni Speciali e agli stivali che calcano il suolo.

Avevamo già visto tutto, prima. Negli USA non c'è nessuna opposizione popolare alla guerra, nessun movimento contro la guerra ha la forza di occupare le città, di indire uno sciopero generale

o di provare a cambiare qualcosa. Quindi non c'è modo di fermare questa macchina impazzita che corre verso la guerra.

I media e la classe politica hanno dato a Obama carta bianca e gli hanno dato l'autorità di andare avanti nel conflitto come ritiene più opportuno.

Cosa questa, che aumenta le probabilità di una guerra ben più estesa per la prossima l'estate, dopo il disgelo primaverile.

Pur non potendo escludere la possibilità di uno scoppio nucleare, questo fatto non avrà nessun effetto sui piani USA per il prossimo futuro.

Putin pensa che nessuno si lancerà in una guerra nucleare per proteggere il Donbass, per questo il valore deterrente che avevano le armi nucleari non vale più.

E Washington non è preoccupata nemmero dei costi. NONOSTANTE i suoi interventi militari difettosi già compiuti in Afghanistan, Iraq, Libia e in un'altra mezza dozzina di paesi del mondo;

Le azioni  USA stanno ancora alle stelle, gli investimenti esteri in titoli del Tesoro USA sono a livelli record, l'economia USA sta crescendo ad un ritmo più veloce di qualsiasi altro competidor globale,

e il dollaro - da giugno scorso - è schizzato alle stelle +13% contro un paniere di valute estere. L'America non ha pagato nulla per aver decimato vaste aree del pianeta e per aver ucciso più di un milione di persone.

Perché dovrebbe fermarsi adesso?

Non si fermerà, e questo è il motivo per cui i combattimenti in Ucraina stanno degenerando. Leggete qui quello che dice (ancora)  WSWS:

"Lunedì, il New York Times ha annunciato che l'amministrazione Obama si sta muovendo per armare direttamente l'esercito ucraino e le milizie fasciste che sostengono il regime-NATO

che-appoggia-il-regime-di-Kiev, dopo l'ultima battuta di arresto nell'offensiva contro le forze separatiste filo-russe in Ucraina orientale .

L'articolo fa riferimento ad un rapporto congiunto pubblicato lunedì dalla Brookings Institution, dal Consiglio Atlantico e dal Consiglio di Chicago per gli Affari Globali e consegnato al Presidente Obama,

nel quale si dettagliano i consigli alla Casa Bianca e alla NATO, sui modi migliori per intensificare la guerra in Ucraina ... ... ...

Secondo il Times, i funzionari americani si stanno rapidamente adeguando per sostenere le proposte contenute nella relazione.

Il Comandante militare della NATO in Europa, Generale Philip M. Breedlove, il Segretario alla Difesa Chuck Hagel, il Segretario di Stato Usa John Kerry, e il Joint Chiefs of Staff, Generale Martin Dempsey ,

hanno tutti dato il loro appoggio ad un invio diretto di armi a Kiev

Susan Rice, Advisor del National Security, sta riconsiderando la sua opposizione all'invio di armi a Kiev, aprendo così la strada all'approvazione di Obama.

"(“Washington si muove per mandare armi al regime ucraino“, World Socialist Web Site)

Vedere cosa sta succedendo? Il dado è già tratto. Ci sarà una guerra con la Russia perché è quello che l'establishment politico vuole.

E'proprio questo che vuole. E mentre le provocazioni precedenti non erano riuscite a spinger Putin fino a farlo cadere nel calderone dell'Ucraina, questa nuova ondata di violenza - l'offensiva di primavera -

è destinata a far funzionare il trucco. Putin non ha intenzione di starsene ad aspettare con le mani in mano, mentre gente armata con armi e supporto logistico USA sta trasformando Donbass

in una città piena di macerie come Fallujah.

Putin fara quello che un qualsiasi altro leader responsabile dovrebbe fare. Sta cercando di proteggere il suo popolo, ma questo significa guerra.

 

(Guardate tutti i danni che hanno provocato le guerre per procura di Obama :

qui “Una panoramica della situazione socio–umanitaria sul territorio della Repubblica Popolare del Donetsk, dopo aver subito gli effetti dell'azione militare dal 17 al 23 gennaio 2015“)

 

... ... ...

 

Secondo Crooke:

"... Con l'Ucraina, siamo entrati in una nuova era: sostanzialmente è cominciato un conflitto geostrategico,  ... ... ...  è in atto una efficace guerra geo-finanziaria tra gli Stati Uniti e la Russia.

 

... ... ...

 

La Cina capisce di costituire il primo tassello del domino russo; se la Russia dovesse cadere, la Cina sarebbe il prossimo tassello a (dover (ndr moas)) cadere.

Questi due stati si muovono insieme per creare un sistema finanziario parallelo e si stanno districando-liberando dal sistema finanziario occidentale .......

... ... ...

 

Il primo scontro importante che vedrà di fronte queste due visioni del mondo avverrà probabilmente l'estate prossima nell' Ucraina dell'Est.

 

Che Dio ci aiuti.

 

 

 

PS:

 

da:

http://www.lastampa.it/2015/02/09/blogs/underblog/ucraina-usa-e-nuova-europa-spingono-alla-guerra-la-posta-in-gioco-leuropa-dibattito-a-e-OSkr6VgIN73Vjsz1OvFACN/pagina.html

 

... ... ... il nostro ministro degli Esteri Gentiloni si è affrettato a precisare che , “ se poi gli Stati Uniti dovessero decidere  di armare l’Ucraina, l’Italia seguirebbe perché gli Usa sono il nostro primo alleato”

... ... ...