MOAS

Movimento per l'Adeguamento Sociale        
													

 

 torna alla  Prima pagina

 

 

 

 

   

 

2016, marzo 12

 

 

 

      Analisi e proposta MOAS

    introduzione

(obiettivo, concetto di riferimento, strategia, proposta ed azioni in corso al marzo 2016)

         (01_01_160312)

 

di Cesidio Di Luzio 

 

 

introduzione alle pubblicazioni MOAS.

Copyright by EUROMA – Editrice Universitaria di Roma – La Goliardica

Via Fosdinovo 52 – 00139 Roma – Tel. / Fax 06 4358 7879

 

 

Copyright MOAS.net  /.it

liberamente utilizzabile per scopi non commerciali,

con citazione della fonte, senza apporto di modifiche.

 


 

1, Obiettivo (risoluzione di problemi sociali in corso):

 

l' obiettivo di MOAS è dare un contributo, che possa essere efficace, per la risoluzione dei problemi sociali attuali,

che sono in direzione di una sempre maggiore criticità.

 

è a tutti evidente infatti un sistema economico che funziona male e le conseguenti condizioni di vita disagiate,

un sistema politico che funziona altrettanto male, un sistema di informazione sempre meno presente, problemi ecologici importanti trascurati,

un livello culturale e di discussione che si muove su concettualizzazioni ormai distaccate dagli accadimenti e superate,

a cui si stanno aggiungendo adesso atteggiamenti spericolati (conflitti militari senza un razionale, che stanno producendo morte,

distruzione, migrazione di massa, squalifica della cultura occidentale, regressione a culture integraliste passate

come rifugio e reazione a tutto questo e conseguente conflittualità internazionale),

con l' inizio di emersione di un possibile caos generalizzato.

 

inoltre non è visibile una inversione di tendenza,

al contrario, tutto questo sembra aumentare velocemente

ed aprire ad un possibile disastro, che può facilmente conseguire a questo stato di cose.

 

unico, ma importante, elemento positivo è la crescente sensibilità delle popolazioni,

soprattutto europee, per i rischi che questa situazione dimostra,

anche se purtroppo questo elemento è ancora mancante di progetti ed azioni concrete.

questa sensibilizzazione è, comunque, di estrema importanza, perchè costituisce il segnale

che sta avendo inizio la risposta evolutiva alle necessità che i problemi attuali stanno indicando.

 

è quindi evidente che sia ormai necessario agire, e farlo in modo efficace.

 

gli elementi che costituiscono il contributo di MOAS sono attualmente non presenti e teoricamente bene impostati;

questo garantisce che il progetto MOAS possa essere utile ed efficace,

nel rispetto dell' obiettivo.


 

 

2,  concetto di riferimento

(eliminazione della causa origine come unico intervento efficace per la risoluzione dei problemi):

 

il concetto su cui il progetto MOAS si basa è il seguente:

 

MOAS considera che l' operazione più efficace, o l' unica efficace, per la risoluzione di qualsiasi problema

sia la rimozione del primo elemento

che ha portato alla catena di eventi che, alla fine, ha determinato il problema.

 

questo concetto, apparentemente banale, ma che in realtà è quasi sempre completamente trascurato, è fondamentale,

perchè questa è l'unica azione che può azzerare un problema;

azioni indirizzate alle sole cause intermedie lascerebbero infatti la causa origine continuare

ad agire e produrre per altre vie gli stessi risultati.

 

che questa ricerca sia molto spesso trascurata è dimostrato dalle discussioni (le azioni sono ancora mancanti)

che si possono osservare, nelle quali si discute solo sulle cause intermedie;

nessuno sembra occuparsi della causa origine dei problemi in corso.

 

usando una metafora agricola, sarebbe come se, oggi, di fronte ad una insoddisfacente produzione di una pianta,

ci si stesse concentrando sull' analisi dei possibili parassiti, dei disinfettanti usati,

degli innesti o sul modo con cui si sono trattati i frutti,

e non si stessero considerando le condizioni base della pianta, cioè il posto dove si trova,

l' acqua e la luce che può ricevere ed il tipo di terreno che la nutre;

 

trascurando quindi oggi di considerare se la pianta abbia o meno i suoi elementi fondamentali ben impostati,

nel caso questi fossero mancanti (che è la situazione attuale), la pianta svilupperà problemi

e qualsiasi intervento non finalizzato a migliorare le sue condizioni di base sarà inutile.

 

facendo esempi più concreti, si può osservare come oggi infatti si tratti il problema del cosiddetto terrorismo

solo con azioni di contrasto (contenimento militare),

nella assenza assoluta di analisi e di un conseguentemente intervento sulle cause origine;

stessa modalità di analisi incompleta è presente per quasi tutti gli altri problemi in corso,

economici, di qualità di vita, ecologici, o di conflittualità sociale.


 

 

3,  strategia

(identificazione delle cause origine dei problemi e delle operazioni necessarie per la disattivazione;

costituzione di consapevolezza diffusa che porti alle operazioni necessarie;

azioni per la realizzazione delle operazioni di disattivazione identificate):

 

3.1, (parte 1):

per tutto quanto descritto,

la prima parte della strategia di MOAS per la risoluzione dei problemi attuali

è l' identificazione della causa origine della catena di eventi che ha portato ai problemi

e di cosa possa contenere questa causa iniziale in modo adeguato.

 

3.2, (parte 2):

la seconda parte della strategia di MOAS consiste nella realizzazione

di una consapevolezza diffusa che possa creare una forte energia per l' attuazione delle operazioni necessarie

all' inibizione della causa origine,

ma che possa anche garantire la protezione del progetto, fatto non meno importante,

dato che il progetto è l'elemento necessario per l' induzione delle operazioni di disattivazione.

 

MOAS ritiene che questa consapevolezza possa essere ottenuta attraverso la creazione di un gruppo di sostenitori,

possibilmente non solo nazionale ed in collegamento con altri gruppi, attivi per lo stesso obiettivo.

 

3.3, (parte 3):

azioni per la costituzione degli elementi identificati come capaci di disattivare la causa origine

e di avviare il contrario, ovvero la cultura, la coesistenza pacifica e la collaborazione,

equilibrio ecologico e sviluppo reale.


 

 

4,  proposta ed azioni in corso al marzo 2016:

 

4.1, relativamente alla parte 1 della strategia:

il progetto MOAS ha già definito quali siano le condizioni causali di base

e la strategia capace di contenerle.

 

queste conclusioni sono state compattate,

in un nucleo informativo molto ridotto

così da poter essere facilmente acquisibile e divulgabile.

 

la descrizione delle cause origine dei problemi attuali identificate, e del perchè queste siano da considerarsi tali,

oltre alle azioni capaci di contenerle,

è disponibile in forma dettagliata all' indirizzo:

http://www.moas.net/pubblicazioni_ingresso_it.htm , aprendo poi “MOAS4”;

 

queste descrizioni sono disponibili anche in forma sintetica all' indirizzo: http://www.moas.net/analisiepropostainsintesi_it.htm.

 

è stato inoltre attualmente aggiornato il volantino (la presentazione del progetto in una pagina)

e la sua versione, ancora più sintetica, per punti essenziali,

che saranno disponibili in forma cartacea negli incontri e sul sito.

 

per chi non avesse ancora conoscenza delle conclusioni di MOAS,

relative a quali siano queste cause origine,

si accenna che queste sono una condizione sbilanciata delle dinamiche di base della società,

ovvero dei costituenti sociali di base, rispetto alle necessità della attuale fase storica.

 

le dinamiche di base previste da MOAS consistono in due elementi contrapposti.

uno che porta all' accentramento, alla logica della forza ed alla scarsa cultura, definito “PREVA”

l' altro, definito “COLL”, che induce gli elementi, intuiti in diverse fasi storiche, per il contenimento di PREVA.

i diversi possibili assetti dell' equilibrio tra questi due elementi possono innescare differenti

catene di conseguenze, che possono portare, alla fine, a gravi problemi o a grande sviluppo.

attualmente l' assetto è molto sbilanciato, rispetto alle necessità, a favore i PREVA,

e questo sta producendo la catena di eventi che sta creando i problemi che si possono osservare;

è questo sbilanciamento quindi che costituisce la causa origine dei problemi attuali.

 

questa descrizione indica solo l' area della causa origine,

perchè questa pagina ha solo la finalità di trattare l' impostazione generale del Progetto.

per la descrizione, sia in forma sintetica che approfondita, delle cause origine dei problemi

e delle operazioni necessarie per la loro disattivazione, si rimanda agli indirizzi web riportati sopra.


 

4.2, , relativamente alla seconda parte della strategia (necessità di consapevolezza diffusa

degli elementi causali origine e necessità di protezione del progetto):

 

per la seconda parte della strategia MOAS prevede la costituzione di un nucleo di persone a Roma

che vogliano essere informate sulle cause origine dei problemi proposte da MOAS

e di come queste possano essere contenute,

e che siano interessate alla diffusione di questa interpretazione dei problemi attuali.

 

MOAS prevede successivamente di estendere questo primo gruppo romano

in italia ed in Europa e l'avvio di collegamenti e collaborazioni con gruppi ed intellettuali

attivi sulle cause intermedie e sugli elementi di contrasto ai problemi attuali.

 

anche le azioni intermedie (il “trattamento antiparassitario” menzionato) sono infatti elementi importanti,

perchè, usando ancora la metafora, la produzione di una pianta è il risultato anche delle operazioni successive alla posa.

è per questo che il progetto MOAS considera necessario il collegamento con le altre azioni attive sulle cause intermedie

(critiche ai modelli economici) o in azioni di contrasto (critiche politiche), per la risoluzione dei problemi,

in modo che possa essere costituito un impianto informativo e di intervento della massima estensione possibile

e quindi ben efficace sia per la costituzione di una pressione per l' applicazione delle correzioni necessarie,

sia per la protezione delle iniziative che promuovono queste reazioni.

 

 

4.3, relativamente alla terza parte della strategia (attuazione degli elementi capaci di disattivare la causa origine):

 

relativamente a questa parte, MOAS prevede di operare per la costituzione degli elementi capaci di contenere la causa origine dei problemi.

 

gli elementi ritenuti da MOAS capaci di contenere la causa origine del problemi,

per i quali MOAS prevede di operare, sono descritti negli indirizzi sopra riportati.

 

si segnala, a questo proposito, il punto 7 della sintesi del progetto,

che riporta azioni finalizzate all' informazione sulle cause origine dei problemi,

azioni per il ripristino di dinamiche economiche corrette,

per la funzionalità dei sistemi di selezione elettorale, che vengono previsti anche per gli organismi scientifici ed amministrativi dello Stato,

descritte in dettaglio all'indirizzo: http://www.moas.net/MOAS1_5_p41-54_it.htm (dalla pagina 43)

ed in schema all'indirizzo: http://www.moas.net/MOAS1_6_p55-schema_it.htm

o per l'efficacia del sistema di informazione e per il potenziamento del livello culturale della collettività.

si segnala inoltre il “programma di MOAS”, presente all' interno della pubblicazione MOAS4, all'indirizzo:

http://www.moas.net/MOAS4_7_testo_p47-55-programma_it.htm

 

 

4.4, incontri:

tutti gli elementi descritti hanno la necessità di incontri con le persone, per poter essere attivati.

per questo continueranno ad essere previsti incontri, che saranno organizzati con periodicità.

sono previsti anche altri tipi di presentazioni, anche in forma video,

finalizzati sia ai concetti generali che agli approfondimenti,

come l' importanza della consapevolezza dell' inconscio e delle conseguenze di questa consapevolezza,

il perchè la condizione PREVA non può sviluppare comportamenti COLL

o perchè PREVA non possa sostenere lo sviluppo tecnologico.

 


 

5,  considerazioni finali:

le persone sensibili non tendono ad attivarsi ed a collegarsi;

mentre oggi è necessaria questa partecipazione,

diversamente non ci sarà la possibilità di risolvere i problemi globali attuali,

che costituiscono il passaggio obbligato per accedere alla nuova fase storica.

 

al di fuori di questa partecipazione c'è la possibilità del non superamento di questo passaggio

e di regressione a condizioni passate.