MOAS

Movimento per l'Adeguamento Sociale        
													
 
MOAS   3
PROPOSTA E PRESENTAZIONE MOAS.
una iniziativa finalizzata alla definizione ed alla attivazione di un progetto globale
per la migliore risoluzione dei problemi sociali attuali,
per il miglioramento delle condizioni di vita,
per la prosecuzione della conoscenza,
per una adeguata costituzione delle nuove società ad alta tecnologia.
 
  Cesidio Di Luzio
  Copyright 2000. Euroma, Editrice Universitaria di Roma, La Goliardica
 

Copyright MOAS.net  /.it

liberamente utilizzabile per scopi non commerciali,

senza apporto di modifiche, con citazione della fonte.

 
 
pagine 3 - 13 
 
 

 

 torna a  analisi e proposta completa (pubblicazioni)

 torna alla  prima pagina

 

 

 

 

 

3

 

L'iniziativa che viene presentata con questo documento

vuole essere un contributo

alla costituzione di un progetto globale

per la risoluzione dei problemi sociali attuali.

 

Il contributo vuole essere sia tecnico che organizzativo.

 

Per la parte tecnica è prevista la realizzazione di analisi e proposte

in relazione con gli obiettivi.

 

La "Proposta MOAS",

di cui viene riportata qui la sintesi più evoluta,

costituisce il contributo tecnico iniziale di questo progetto.

 

La parte organizzativa prevede attività

per la realizzazione di collegamenti

tra le iniziative correlabili esistenti in ambito internazionale

e di presentazione di queste,

al fine di un potenziamento di questo tipo di progetti

ed al fine della determinazione delle migliori condizioni possibili

per la diffusione e la applicazione di quanto viene qui presentato.

 

La struttura che coordina tutte queste attività

è Il Movimento per l'Adeguamento Sociale (MOAS).

 

Quanto viene qui presentato

costituisce il nucleo del contributo tecnico,

alla data di questa pubblicazione.

 

 

 

 

Problemi sociali attuali

 

 

Si può schematizzare che

i problemi sociali attuali,

 

tralasciando le cause

e le altre situazioni sfavorevoli che ne potrebbero conseguire,

 

siano i seguenti:

 

 

un sistema sociale che annulla l'individuo quando non è inserito in esso

e che allo stesso tempo non è in condizione di poter inserire adeguatamente

la gran parte della popolazione

ed una parte di popolazione ancora maggiore nel prossimo futuro.

 

Una condizione che è attualmente definita, riduttivamente, "disoccupazione".

 

 

La qualità della vita di chi è inserito nel sistema,

inadeguata rispetto a quanto oggi possibile,

sia nelle condizioni individuali che in quelle collettive ed ambientali,

 

evidente nelle condizioni abitative,

nei ritmi di lavoro, nella quantità di tempo libero,

negli impegni tecnici a carico dell'individuo,

nella struttura e nell'aspetto architettonico delle città e del territorio,

nella qualità delle costruzioni,

nel modo di utilizzare e mantenere quanto realizzato.

 

 

La qualità della vita è un punto importante

perchè influisce sulle condizioni tecniche e psicologiche dell'individuo

e quindi sulle sue possibilità globali e sulla sua modalità di rapporto con la società.

 

La condizione psicologica,

cioè la situazione emotiva, il livello culturale, la capacità di valutazione,

il modo di interagire con gli altri e con le situazioni,

è un elemento particolarmente importante

che influisce molto profondamente sulle possibilità della persona.

 

La qualità di vita può così modificare radicalmente le possibilità della società.

 

Per tutto questo, una qualità di vita inferiore a quanto possibile

viene considerata, in questa sede, un problema sociale.

 

 

 

5

 

Un sistema economico eccessivamente instabile,

ormai evidentemente inadatto a garantire la affidabilità invece oggi necessaria.

 

 

La possibile importante modificazione dell'ecologia dell'ambiente

comportata dalle attività ad alta tecnologia civili e militari,

ed il conseguente rischio per la sicurezza fisica dell'individuo

e per la stabilità della società.

 

  

Le possibili azioni destabilizzanti la comunità internazionale

o lesive delle condizioni di comunità locali

da parte di gruppi di individui o di sistemi sociali

e la perdita dei potenziali rapporti costruttivi,

che potrebbero invece esistere con e tra questi gruppi.

 

 

 

 

Cause dei problemi sociali attuali

 

 

In una forma estremamente sintetica,

che verrà riproposta in modo più ampio più avanti,

dopo approfondimenti sulle voci che saranno ora menzionate,

si può ipotizzare che

 

i problemi sociali attuali siano conseguenti,

 

prima che dalle loro cause immediate,

da

 

una eccessiva competizione ed intolleranza culturale,

una scarsa cultura della società e dell'uomo

una bassa qualità di programmazione

 

e dalla  presenza delle attuali società ad alta tecnologia,

che sono esistenti per la prima volta nella storia dell'uomo

e che hanno necessità di condizioni opposte a quelle appena descritte.

 

 

Un sistema sociale ad alta tecnologia non può svilupparsi

in presenza di queste condizioni

e se si fosse realizzata una iniziale evoluzione tecnologica,

si determinerebbe la regressione alla struttura sociale precedente.

 

 

Le prime tre condizioni determinano alcuni dei problemi sociali convenuti.

 

La presenza di queste condizioni in un contesto sociale tecnologico,

determina altri problemi,

che sono la conseguenza di uno scoordinamento iniziale della società tecnologica,

causato dall'assenza degli elementi necessari al suo sviluppo.

 

I problemi sociali descritti sono l'insieme dei due gruppi di determinazioni.

 

 

 

7

 

Cause dei problemi sociali attuali

/Approfondimenti sulla competizione ed intolleranza culturale

 

 

Una presenza dominante di competizione e di intolleranza culturale

può essere definita cultura della prevaricazione.

 

La società,

quando è caratterizzata da questo stato di cose,

non cura significativamente le necessità dell'individuo.

Sono fatti collegati all'eccesso di competizione ed al disinteresse per l'individuo

che determinano la sostanziale impossibilità di comprendere le culture differenti.

Altri fatti, collegati a questa incomprensione, determinano facilmente poi

che queste culture vengano anche interpretate come errate, pericolose e da perseguire.

 

In questa condizione

la maggior parte delle energie degli individui sono utilizzate

per azioni dirette alla difesa delle necessità personali,

e per contrapporsi alle forme culturali differenti, che appaiono inaccettabili.

Si determina conseguentemente una

carenza di risorse da indirizzare ad attività diverse da queste descritte.

 

 

La condizione opposta

è una condizione sociale dove è dominante la convinzione della

convenienza della soddisfazione delle necessità di ogni individuo

e la comprensione delle differenze culturali,

con la conseguente collocazione logica delle differenze e tolleranza a queste.

 

Questa seconda condizione determina quindi, nel modo più ampio, attenzione all'individuo.

 

L'attenzione all'individuo determina anche attenzione agli elementi collegati all'individuo,

che sono le strutture sociali.

In questa seconda condizione si determina così, anche,

attenzione a tutte le funzioni ed a tutte le strutture della società,

che può essere definita meglio

attenzione a tutti gli aspetti del sistema.

 

Questa condizione opposta inoltre,

riducendo la necessità di utilizzare energie nelle necessità e conflittualità

descritte precedentemente,

determina, ampiamente, energia disponibile.

 

Questa seconda condizione può essere definita cultura della collaborazione.

 

 

La cultura della collaborazione dimostra quindi di rendere disponibili

 

attenzione ampia ad ogni individuo,

bassa conflittualità,

rilevazione di tutti gli elementi del sistema sociale

ed energia.

 

Per questo non deve essere considerata un banalismo concettuale,

dimostrando di essere invece l'assetto necessario

perchè possano essere presenti le quattro condizioni appena descritte.

 

 

 

 

Nelle fasi iniziali di sviluppo delle società,

una dominanza di competizione e di intolleranza alle differenze culturali

è una condizione usuale e probabilmente necessaria.

Nelle fasi successive, verosimilmente in seguito alla rilevazione

della maggiore produttività di relazioni tra i gruppi basate sulla cura delle necessità

di ogni individuo

e della non definibilità di alcuna realtà assoluta

i sistemi sociali dimostrano di tendere a sviluppare una quota determinante di

impegno per le necessità di tutti

e di tolleranza ed apertura alle differenze culturali, in antitesi alle iniziali culture dogmatiche.

 

 

Può essere utile considerare anche che

una persona caratterizzata da un pensiero di prevaricazione

non ha la possibilità di acquisire rapidamente una cultura di collaborazione,

anche nel caso che gli venisse indicata,

perchè per la comprensione di questa sono necessarie complesse acquisizioni

e rimozioni, che richiedono energia e tempo.

Questa comprensione può anche non essere possibile in tempi medi

da parte di individui troppo caratterizzati prevaricativamente.

 

 

 

9

 

Cause dei problemi sociali

/Approfondimenti sulla cultura della società e dell'uomo

 

 

Se l'attenzione agli individui, la rilevazione degli elementi del sistema e l'energia

non sono più impedite o troppo limitate da eccessive conflittualità e intolleranze,

producono osservazione, riflessione, sperimentazione, comprensione.

 

La comprensione è conoscenza.

 

La conoscenza fornisce le esperienze che ci sono necessarie

e determina, per questo, 

interesse per essa

e per le condizioni che la producono.

 

L'interesse per questa può essere definito cultura della conoscenza.

 

Le condizioni che la producono sono,

 

come elemento di base,

la società, in quanto è

il contesto che rende possibili le attività necessarie allo sviluppo della conoscenza

e l'uomo, che, essendo il costituente principale della società,

non può essere considerato separatamente da questa

 

e, come elemento attivante,

la descritta cultura della collaborazione,

perchè determina l'attenzione agli individui, la rilevazione degli elementi e l'energia,

che sono le condizioni necessarie

per lo sviluppo delle attività che determinano la conoscenza.

 

Così

l'interesse per le condizioni che producono la conoscenza

può essere definito cultura della società e dell'uomo

e cultura della collaborazione,

che viene così a determinare un altro elemento e ad avere un altro significato.

 

La cultura della società e dell'uomo è, evidentemente,

la condizione più adatta perchè si produca

la cura e la protezione del sistema sociale e dell'uomo

e, quindi, anche, del relativo ambiente.

 

La conoscenza determina, poi, la capacità.

 

 

 

10 

 

Cause dei problemi sociali attuali

/Approfondimenti sulla programmazione di una società

 

 

La società programma e protegge la sua cultura e la sua struttura

attraverso il suo sistema generale di organizzazione

ed, in particolare, attraverso il suo sistema direzionale.

 

Il sistema direzionale può realizzarsi in vari modi,

in funzione della presenza o meno di tre condizioni,

che sono 

 

l'applicazione della cultura della collaborazione nella sua struttura,

l'utilizzo della capacità disponibile nella società

e la possibilità di rendere operative le programmazioni effettuate.

 

 

Quanto più un sistema direzionale di una società rispetta una condizione di collaborazione

tanto più può rilevare e curare ogni aspetto del sistema.

 

Quanto più utilizza la capacità disponibile in società

tanto più è elevata la sua capacità di elaborazione della programmazione.

 

Quanto più può applicare al sistema quanto definito,

tanto più può agire sulla società.

 

 

Quanto più rispetta queste tre condizioni,

tanto più può effettuare una programmazione complessa

e può quindi sostenere una crescita sociale complessa.

 

In caso contrario può avere una funzionalità limitata o insufficiente

o può produrre ostacolo o danno

alla società ed all'uomo.

 

 

E' da notare che

un sistema direzionale progettato in modo da rispettare la cultura della collaborazione

determina anche l'applicazione e l'incremento di questa cultura.

 

 

 

11

 

Cause dei problemi sociali attuali

/Approfondimenti sulle necessità di una società tecnologica

 

 

Le società ad alta tecnologia sono dunque

organizzazioni presenti per la prima volta nella storia dell'uomo.

 

Questi sistemi dimostrano di avere necessità di alcune condizioni,

a differenza dei precedenti tipi di società.

 

Le società ad alta tecnologia necessitano di bassa conflittualità

perchè una elevata conflittualità può condurre a scontri,

che in un contesto ad alta tecnologia sono ad elevato rischio,

sia perchè possono essere attuati con mezzi ad alta lesività,

sia perchè agiscono su una società estremamente interconnessa

e quindi sensibile anche a disfunzioni locali,

almeno nelle fasi iniziali del suo sviluppo, prima di aver raggiunto

una qualche eventuale successiva capacità di tolleranza a queste.

 

La società tecnologica richiede la cultura della società e dell'uomo

perchè, per motivi tecnici,

ha una forte convenienza nella qualità delle realizzazioni, delle manutenzioni

e nel corretto uso delle sue strutture.

Tutto questo può essere realizzato adeguatamente

solo con la partecipazione attiva dell'intera popolazione

e questa partecipazione può essere realizzata solo attraverso una forte presenza

della cultura della società e dell'uomo.

 

La società tecnologica richiede una elevata capacità

perchè è un sistema complesso

 

e per questa complessità

richiede anche una elevata qualità di programmazione.

Per la società tecnologica è necessario un livello di programmazione

che non è mai stato necessario nelle società precedenti.

In un sistema sociale ad alta tecnologia, in caso di assenza di una elevata qualità di gestione,

si determinerebbe la disfunzione più o meno ampia di sotto sistemi,

o il danno dell'ecosistema, o la perdita della cultura del sistema,

fino alla possibilità di disgregazione della struttura e della cultura.

Questa possibile disgregazione farebbe regredire la società ad organizzazioni precedenti

che potrebbero determinare anche la mancanza delle condizioni

per un ripristino in tempi brevi delle situazioni perdute.

 

E' importante notare che

la società tecnologica, nella sua fase di avvio,

nonostante abbia necessità di una condizione collaborativa,

stimola una condizione di prevaricazione

a seguito della sua accattivante ma poco disponibile produzione industriale

e le sue rilevanti capacità tecniche

aumentano anche le possibilità dei gruppi caratterizzati da comportamenti prevaricativi.

 

 

 

12 

 

Cause dei problemi sociali attuali

(Versione ampliata)

 

 

Oltre quanto anticipato sulle cause dei problemi sociali attuali, si può dire che

 

se per sviluppo si intende una evoluzione tecnica e culturale,

cioè l'incremento della qualità di vita e della cultura di tutti,

 

allora i problemi sociali attuali possono essere sintetizzati anche come

elementi di involuzione sociale, all'opposto di una condizione di sviluppo.

 

Da cui questi problemi sono determinati, prima che dalle cause immediate,

dalle condizioni che ostacolano lo sviluppo

e sono annullabili dalle condizioni che lo favoriscono.

 

Questa analisi si può quindi ridurre a sviluppo o non sviluppo

ed alla presenza delle condizioni che lo producono o che non lo producono.

 

Le condizioni che determinano gli elementi necessari per ottenere sviluppo sono

la cultura della collaborazione, della società e la qualità direzionale.

Per questo, meno in generale, come anticipato, le cause dei problemi sociali attuali sono

 

un eccesso di competizione e di intolleranza culturale,

che determina disattenzione o abbandono di parti di popolazione e di parti del sistema,

alta conflittualità sociale e bassa energia, bassa conoscenza e bassa capacità

e priva il sistema direzionale di un elemento necessario

perchè possa determinare una alta qualità di programmazione,

 

una scarsa cultura della società e dell'uomo,

che determina disinteresse della popolazione per il sistema,

 

ed una bassa qualità del sistema di programmazione, che determina

la rilevazione solo di alcuni degli aspetti del sistema,

la non utilizzazione di gran parte della capacità disponibile

ed una azione limitata della programmazione sulla società.

 

C'è poi il quarto elemento,

che è il cambiamento delle società in sistemi tecnologici complessi.

Questo determina l'amplificazione degli effetti determinati dai primi tre elementi.

L'amplificazione degli effetti si determina perchè le società tecnologiche

sono particolarmente intolleranti alle condizioni appena descritte

in quanto richiedono invece, marcatamente,

una bassa conflittualità e la cura convinta da parte dell'intera popolazione,

perchè sono sistemi vulnerabili

e capacità e qualità di gestione, perchè sono sistemi complessi.

Del resto una società tecnologica è sviluppo per definizione

e non può quindi tollerare l'assenza delle condizioni che lo promuovono e mantengono.

Le necessità disattese delle società tecnologiche determinano così altri problemi

che si aggiungono a quelli determinati dalle prime tre cause descritte.

 

I problemi sociali in corso sono l'insieme delle condizioni risultanti.

 

 

 

13

 

Proposta di intervento

 

 

Conseguentemente

la proposta di intervento,

nei suoi punti fondamentali ed alla data attuale,

per la risoluzione dei problemi sociali attuali

 

e, visto lo stretto collegamento esistente,

 

per l'annullamento delle condizioni

che attualmente ostacolano il mantenimento e la prosecuzione dello sviluppo raggiunto,

per la realizzazione delle condizioni più favorevoli al mantenimento

ed alla prosecuzione di questo sviluppo

e per la realizzazione delle condizioni necessarie

alla costituzione delle nuove società ad alta tecnologia,

 

è composta, nelle sue linee fondamentali, da:

 

una proposta culturale, costituita da:

 

attuale necessità di una prevalenza

della logica della collaborazione

e delle sue determinazioni principali,

la cultura della conoscenza e la cultura della società e dell'uomo

 

ed una proposta strutturale, costituita da:

 

un sistema direzionale e di selezione elettorale, centrale e locale,

organizzato in modo da garantire, per la sua struttura,

una elevata qualità di programmazione

 

ed un modello di sistema sociale

in cui i costituenti fondamentali,

che sono i gruppi di programmazione, la popolazione, i gruppi economici con grandi capitali,

le piccole imprese, il sistema di informazione, i sistemi di controllo

e le procedure di interazione,

sono strutturati ed in relazione in modo da comportare, inevitabilmente,

soprattutto attraverso la determinazione di rapporti di forza equilibrati tra gli interessi presenti,

la costituzione e la protezione di una condizione di collaborazione.

 

 

La proposta strutturale

ha il fine di determinare le condizioni più adatte ad istituire e mantenere la proposta culturale

e costituisce un possibile assetto tecnico di avvio per una società ad alta tecnologia.

 

Il sistema direzionale ed elettorale proposto da MOAS

è riportato, nella sua struttura di massima, nella prima pubblicazione dell'Associazione.

Nella seconda pubblicazione sono riportati gli elementi teorici fondamentali.

I dati per il reperimento delle pubblicazioni sono riportati in ultima pagina.